render 03
Home - Come partecipare

Cosa prevede il progetto

Il progetto nasce all’interno del Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l’edilizia residenziale sociale grazie alla promozione di InvestiRE SGR e Fondazione Housing Sociale.
Il progetto è nato per costruire una comunità collaborativa di abitanti e per dare una risposta abitativa in affitto calmierato e patto di futuro acquisto a persone e famiglie che faticano ad accedere al mercato privato.
Con l’obiettivo di creare un clima di abitare collaborativo e di attivare relazioni tra gli abitanti, con il quartiere circostante e con la città di Milano sono presenti diversi spazi comuni ad uso degli abitanti, servizi locali urbani, attività commerciali e ricreative, progetti residenziali dedicati a target con fragilità. Ad oggi gli appartamenti sono tutti assegnati così come i servizi locali e le unità commerciali. Inoltre a partire dal mese di giugno del 2016 è attiva la Cascina Torrette, parte del complesso, anch’essa dedicata ad attività culturali e ricreative per giovani.
Cenni di Cambiamento è un luogo in cui mettersi in gioco e attivarsi per creare un contesto collaborativo e solidale, ma aperto e connesso al quartiere e alla città.
 

Borgo Sostenibile

 
Ciò che maggiormente caratterizza Cenni è il carattere di sperimentalità e del mix sia abitativo che funzionale.
Vi è infatti presente un Mix abitativo che vede presenti alloggi a canone convenzionato (anche con patto di futura vendita), moderato e sociale che ospitano dunque nuclei famigliari con redditi anche molto diversi tra loro.
Inoltre taluni di questi alloggi sono stati locati o ceduti nella fase di avvio del progetto tramite apposito bando Cariplo a Enti del Terzo Settore (per lo più cooperative sociali) che ospitano residenzialità temporanee con diversi target di vulnerabilità (padri separati, neo maggiorenni, persone con disabilità intellettive, psichiche o fisiche, stranieri, donne sole con figli, vittime di violenza, rifugiati politici).
Al complesso degli alloggi dedicati alla residenzialità temporanea si aggiungono i cinque appartamenti del Foyer che ospitano giovani studenti o neo lavoratori di età compresa tra i 18 e i 30 anni.
Il progetto Cenni di Cambiamento ha previsto a partire dal 2013 l’assegnazione di 122 alloggi di nuova costruzione a canone sociale, canone moderato e canone convenzionato (questi ultimi anche con patto di futura vendita).

Gli appartamenti sono tutti abitati.


LOCAZIONE A CANONE SOCIALE

Gli appartamenti a canone sociale sono assegnati a nuclei familiari segnalati dal Comune di Milano. Questi nuclei familiari sono iscritti alla graduatoria dell’Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Milano. Gli appartamenti a canone sociale sono tutti abitati. Quando si libera un alloggio il Comune di Milano segnala al Gestore Sociale il nominativo del nucleo familiare idoneo al quale concedere in locazione l’appartamento disponibile.
Per sapere come fare domanda per essere inseriti nelle graduatorie ERP del Comune di Milano seguite questo link:

https://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/casa/case_popolari/come_fare_domanda_casa_popolare
 


LOCAZIONE A CANONE MODERATO E A CANONE CONVENZIONATO

Gestione Turn over

Gli appartamenti in affitto a canone moderato e a canone convenzionato sono tutti abitati. Quando un alloggio si libera perché un abitante dà disdetta, viene pubblicizzata la disponibilità sul sito www.cennidicambiamento.it in modo da promuovere la ricerca all’interno del contesto di Cenni e su tutto il territorio.
 
Se sei interessato ad un alloggio a canone moderato o convenzionato all’interno del progetto di Cenni di Cambiamento, solo quando viene pubblicizzata la disponibilità di un alloggio sul sito, devi inviare la tua candidatura all’indirizzo mail info@cennidicambiamento.it presentando i seguenti documenti:
 
a. Allegati 1 e 2 debitamente sottoscritti;
b. fotocopia della carta d’identità ed eventuale permesso di soggiorno di tutti i componenti del nucleo familiare;
c. documento “Reddito del nucleo familiare” certificato dallo sportello CAF attestante: ISEE erp, reddito complessivo e reddito netto del nucleo familiare;
d. Questionario conoscitivo, allegato al presente avviso (All.3), debitamente compilato e sottoscritto.
 

Le candidature vengono registrate in ordine di arrivo.
IL CAF è convenzionato con il Progetto Cenni di Cambiamento solo nel periodo in cui l’alloggio è libero ed è dunque aperto l’avviso pubblico. Di seguito riportiamo i riferimenti del CAF:
CAF Acli Corso Europa 5 –Milano- Telefono 02795316

Requisiti di partecipazione per gli alloggi in locazione a CANONE MODERATO

I candidati devono possedere, alla data di presentazione della domanda di partecipazione (compilata su apposito modulo), i seguenti requisiti:
 
a. CITTADINANZA: avere cittadinanza italiana o di uno stato appartenente all'Unione Europea, oppure avere la cittadinanza di altro Stato purché in possesso di regolare permesso di soggiorno almeno biennale (conformemente all’art. 40 c.6, D.Lgs. 286/1998 e successive modifiche e integrazioni), oppure di essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, già in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (art. 1 c.1 lett. a), D.Lgs. 3/2007 e successive modifiche e integrazioni).
b) non essere titolare il dichiarante, o il coniuge non legalmente separato e/o convivente, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare sul territorio nazionale (è fatto salvo il caso in cui la vendita dell’alloggio posseduto sia perfezionata prima della sottoscrizione del contratto di locazione);
c) assenza di precedente assegnazione in proprietà di alloggio di edilizia sovvenzionata o agevolata;
d) non avere in precedenza utilizzato un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica per finalità illecite ovvero ceduto l’alloggio assegnato in violazione della legge;
e) non essere stato sfrattato da alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica per morosità negli ultimi 5 anni;
f) non aver occupato senza titolo alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica negli ultimi 5 anni.
g) RESIDENZA: residenza o svolgimento di attività lavorativa in Regione Lombardia da almeno cinque anni per il periodo immediatamente precedente alla data di presentazione della domanda;
h) REQUISITI DI REDDITO: nuclei familiari con ISEE-erp non superiore a 40.000 €.
i) non essere stato destinatario negli ultimi 5 anni di provvedimenti di sfratto per morosità e/o di decreto ingiuntivo per l'ammontare dei canoni scaduti.
l)il reddito netto annuo del nucleo familiare dovrà essere pari o superiore a 3 volte il canone di locazione annuo dovuto per l’alloggio assegnato.

Le domande vengono raccolte e esaminate in ordine di arrivo. Le domande inviate fuori dal periodo in cui è pubblicizzata la disponibilità dell’alloggio attraverso avviso pubblico sul sito www.cennidicambiamento.it non verranno considerate.


Requisiti di partecipazione per gli alloggi in locazione a CANONE CONVENZIONATO

I candidati devono possedere al momento dell’atto di cessione i seguenti requisiti:
a. CITTADINANZA: avere cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea, oppure avere la cittadinanza di altro stato purché in possesso di regolare permesso di soggiorno almeno biennale, ovvero permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Tale requisito deve essere altresì posseduto al momento della sottoscrizione del contratto di locazione con patto di futura vendita e deve permanere in costanza del rapporto.
b. RESIDENZA: residenza o svolgimento di attività lavorativa (e/o di studio) esclusiva o principale nel
Comune di Milano;
c. REQUISITI DI REDDITO: reddito complessivo del nucleo del nucleo familiare risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi non superiore a quello massimo stabilito annualmente dalla Regione Lombardia per accedere all’edilizia agevolata, incrementato del 25% (in forza dell’ultimo aggiornamento dei limiti di reddito operato da Regione Lombardia con Decreto della D.G. Casa, housing sociale, EXPO 2015 e internazionalizzazione delle imprese n.1519 del 14/02/2017: 75.370,70 € incrementato del 25%=94.213,37€) e con l’abbattimento legalmente previsto per ogni figlio a carico (516,46€).
d. non essere titolare il dichiarante, o il coniuge non legalmente separato e/o convivente, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento di alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare nel territorio nazionale (è fatto salvo il caso in cui la vendita dell’alloggio posseduto sia perfezionata prima della sottoscrizione del contratto di locazione con patto di futura vendita);
e. assenza di precedente assegnazione in assegnazione in proprietà di alloggio di edilizia sovvenzionata o agevolata
f. non avere in precedenza utilizzato un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica per finalità illecite ovvero ceduto l’alloggio assegnato in violazione della legge
g. non essere stato sfrattato da alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica per morosità negli ultimi 5 anni
h. non aver occupato senza titolo alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica negli ultimi 5 anni
i. assenza di precedente assegnazione in locazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica
l. non essere stato destinatario negli ultimi 5 anni di provvedimenti di sfratto per morosità e/o di decreto ingiuntivo per l’ammontare dei canoni scaduti.
m.il reddito netto annuo del nucleo familiare dovrà essere pari o superiore a 3 volte il canone di locazione annuo dovuto per l’alloggio assegnato.
 

Criteri di selezione:

Le domande reputate idonee secondo i Requisiti di Partecipazione di cui sopra vengono:
selezionate in ordine di protocollo secondo le priorità;
valutate in gruppi di n.5 domande alla volta secondo il requisito preferenziale.
 
Al fine di garantire continuità al progetto sociale e favorire il consolidamento dei legami di comunità vengono individuati come criteri di selezione i seguenti elementi di priorità e requisiti preferenziali.
 

PRIORITA’

Costituisce priorità:

  • L’abitazione principale in Via Gabetti 15 al momento della candidatura
  • Il lavoro principale in Via Gabetti 15 al momento della candidatura
  • La presenza di legami di parentela o affinità entro il terzo grado con soggetti residenti in Via Gabetti 15
  • La presenza di almeno un componente del nucleo familiare con età inferiore ai 35 anni

 
REQUISITI PREFERENZIALI

Costituisce requisito preferenziale la condivisione dei contenuti sperimentali del progetto Cenni di Cambiamento. La condivisione dei contenuti di progetto viene valutata attraverso il Questionario Conoscitivo e un incontro conoscitivo.


 

LOCAZIONE CANONE CONVENZIONATO CON PATTO DI FUTURA VENDITA

Gestione Turn over

Gli appartamenti in affitto a canone convenzionato con patto di futura vendita sono tutti abitati.
Quando un alloggio si libera perché un abitante dà disdetta, viene pubblicizzata la disponibilità e offerta prima alla comunità dei residenti in Via Gabetti 15. Se il primo avviso pubblicizzato all’interno della comunità di residenti non raccoglie domande, allora l’alloggio viene pubblicizzato sul sito www.cennidicambiamento.it in modo da promuovere la ricerca su tutto il territorio e individuare candidati al di fuori della comunità di Cenni.
 
Se sei interessato ad un alloggio a canone convenzionato con patto di futura vendita all’interno del progetto di Cenni di Cambiamento, solo quando viene pubblicizzata la disponibilità di un alloggio sul sito www.cennidicambiamento.it, devi inviare la tua candidatura all’indirizzo mail info@cennidicambiamento.it presentando i seguenti documenti:
 
a. allegati 1 e 2 debitamente sottoscritti;
b. fotocopia della carta d’identità ed eventuale permesso di soggiorno di tutti i componenti del nucleo familiare;
c. documento “Reddito del nucleo familiare” certificato dallo sportello CAF attestante: ISEE erp, reddito complessivo e reddito netto del nucleo familiare;
d. Questionario conoscitivo, allegato al presente avviso (All.3), debitamente compilato e sottoscritto.

Le candidature vengono registrate in ordine di arrivo.
IL CAF è convenzionato con il Progetto Cenni di Cambiamento solo nel periodo in cui l’alloggio è libero ed è dunque aperto l’avviso pubblico. Di seguito riportiamo i riferimenti del CAF: CAF Acli Corso Europa 5 –Milano- Telefono 02795316.
 
 
Requisiti di partecipazione:
 
I candidati devono possedere al momento dell’atto di cessione i seguenti requisiti:
a. CITTADINANZA: avere cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea, oppure avere la cittadinanza di altro stato purché in possesso di regolare permesso di soggiorno almeno biennale, ovvero permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Tale requisito deve essere altresì posseduto al momento della sottoscrizione del contratto di locazione con patto di futura vendita e deve permanere in costanza del rapporto.
b. RESIDENZA: residenza o svolgimento di attività lavorativa (e/o di studio) esclusiva o principale nel
Comune di Milano;
c. REQUISITI DI REDDITO: reddito complessivo del nucleo del nucleo familiare risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi non superiore a quello massimo stabilito annualmente dalla Regione Lombardia per accedere all’edilizia agevolata, incrementato del 25% (in forza dell’ultimo aggiornamento dei limiti di reddito operato da Regione Lombardia con Decreto della D.G. Casa, housing sociale, EXPO 2015 e internazionalizzazione delle imprese n.1519 del 14/02/2017: 75.370,70 € incrementato del 25%=94.213,37€) e con l’abbattimento legalmente previsto per ogni figlio a carico (516,46€).
d. non essere titolare il dichiarante, o il coniuge non legalmente separato e/o convivente, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento di alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare nel territorio nazionale (è fatto salvo il caso in cui la vendita dell’alloggio posseduto sia perfezionata prima della sottoscrizione del contratto di locazione con patto di futura vendita);
e. assenza di precedente assegnazione in assegnazione in proprietà di alloggio di edilizia sovvenzionata o agevolata
f. non avere in precedenza utilizzato un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica per finalità illecite ovvero ceduto l’alloggio assegnato in violazione della legge
g. non essere stato sfrattato da alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica per morosità negli ultimi 5 anni
h. non aver occupato senza titolo alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica negli ultimi 5 anni
i. assenza di precedente assegnazione in locazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica
l. non essere stato destinatario negli ultimi 5 anni di provvedimenti di sfratto per morosità e/o di decreto ingiuntivo per l’ammontare dei canoni scaduti.
m. il reddito netto annuo del nucleo familiare dovrà essere pari o superiore a 3 volte il canone di locazione annuo dovuto per l’alloggio assegnato.
 

Criteri di selezione:

Le domande reputate idonee secondo i Requisiti di Partecipazione di cui sopra vengono :
selezionate in ordine di protocollo secondo le priorità;
valutate in gruppi di n.5 domande alla volta secondo il requisito preferenziale.
 
Al fine di garantire continuità al progetto sociale e favorire il consolidamento dei legami di comunità vengono individuati come criteri di selezione i seguenti elementi di priorità e requisiti preferenziali.
 

PRIORITA’

Costituisce priorità:

  • L’abitazione principale in Via Gabetti 15 al momento della candidatura
  • Il lavoro principale in Via Gabetti 15 al momento della candidatura
  • La presenza di legami di parentela o affinità entro il terzo grado con soggetti residenti in Via Gabetti 15
  • La presenza di almeno un componente del nucleo familiare con età inferiore ai 35 anni

 
REQUISITI PREFERENZIALI

Costituisce requisito preferenziale la condivisione dei contenuti sperimentali del progetto Cenni di Cambiamento. La condivisione dei contenuti di progetto viene valutata attraverso il Questionario Conoscitivo e un incontro conoscitivo.
 
E’ importante sapere che la formula del patto di futura vendita prevede l’impegno da parte del conduttore al momento della stipula del contratto di locazione con patto di futura vendita a:

  • versare una caparra pari al 15% del Prezzo di Cessione dell’alloggio a titolo di caparra
  • versare mensilmente il Canone di Locazione
  • versare mensilmente gli oneri accessori
  • versare mensilmente un ammontare pari al Canone a titolo di acconto sul Prezzo di Cessione
  • versare il saldo del Prezzo di Cessione alla sottoscrizione dell’atto definitivo di compravendita (ottavo anno). Il saldo sarà pari alla differenza tra il Prezzo di Cessione come determinato a seguito della rivalutazione e la somma della Caparra e dell’Acconto Prezzo entrambi rivalutati.


 
Per qualsiasi chiarimento potete scrivere a info@cennidicambiamento.it